Home
Cultura
Eventi
Associazioni
Sport
Foto
Chat
Forum
GuestBook
Links
MailingList
Emigrants
Chi sono

   

Pietro Orlando 2 ottobre 1920

Galleria Fotografica




Per noi casapullesi o napoletani�..il �mannese� o �lo scassacarrette� in italiano il �carradore� mestiere antichissimo.
La ruota comparve in Mesopotamia fra il 3500 e il 3000 a.C.; con essa il carro e chi lo costruiva.

Questo spazio, certo non � approfondito per descrivere un mestiere il cui apprendimento richiedeva almeno venti anni, vuole essere stimolo per avvicinarsi ad uno dei lavori che ha caratterizzato l�artigianato del nostro paese nel recente passato ed oggi scomparso totalmente.


Conoscere l'arte del falegname; intendersi di metallurgia, di saldatura; conoscere i legnami, saper valutare la stagionatura. In assenza di utensili e macchine elettriche, tutti i lavori si facevano a mano, compresa la tornitura dei grandi mozzi. Le grandi ruote venivano realizzate senza chiodi e senza colla, era il cerchione di ferro che reggeva il tutto.

Pietro Orlando del 2 ottobre 1920
L�ultimo �mannese� di Casapulla.

Ci siamo incontrati oggi nella Villa Comunale mentre era in sella alla sua inseparabile bici, e qui racconta:
�Avevo gli zoccoli ai piedi e frequentavo le elementari quando andavo ��o Mast� ad imparare il mestiere da mast� Elpidio dove ho appreso l�arte del �Mannese�.� Il suo maestro � stato mastro Elpidio Lieto che � stato anche maestro di musica nel tempo libero; suonava il clarinetto e dirigeva la banda musicale di Caturano.
L� � rimasto fino sotto i trent�anni per poi rilevare, insieme al socio Santillo Domenico, una �poteca di mannese� a Marina di Minturno da un artigiano locale andato in pensione. Ed � qui che, su commissione di un americano fotografo che abitava a Minturno, costru� una ruota di carretto (�traino�) alta tre metri che serv� al fotografo come attrattiva per fotografare i bagnanti sulla spiaggia di Minturno.

�Un lavoro duro pesante e doloroso �accira-cristiani� ma d�altronde allora un po� tutto lo era�.
E s� un lavoro duro dove andavano coniugati due mestieri l�arte del forgiare il ferro e di modellare il legno con le proprie mani con l�ausilio di pochi utensili come l�ascia per il legno e la forgia incudine mazza e martello per il ferro.
http://www.raffaelelascala.net
�Noi con il �tre e quattordici calcolavamo le circonferenze e le �gaveglie�; se la ruota era a 12 raggi facevamo 6 �gaveglie� se a 10 ne facevamo 5 insomma ogni �gaveglia� ospitava due �raje� (raggi)�.

In pratica la �gaveglia� � quell�arco in legno che insieme agli altri costituiva la circonferenza esterna dove a due a due alloggiavano i raggi esternamente mentre verso il centro erano contenuti nel �miulo� (mozzo).
A sua volta il �miulo� (mozzo) al centro veniva calibrata ed inserita la �summola� (boccola) che copiava la conicit� dell�asse in ferro su cui ruotava in modo da non far toccare il legno del mozzo con l�asse e tutto veniva ingrassato con grasso animale. Per non far fuoriuscire il mozzo dall�asse c�era l� �azzicula� una sorta di zeppa che conficcata all�estremit� dell�asse impediva al �miulo� e quindi alla ruota di fuoriuscire.

� Una volta reso incandescente il ferro dell�asse per dare la conicit� voluta �o mast� assecondava il lavoro cadenzando colpi di martello con una mano mentre l�altra impugnava e ruotava all�occorrenza il pezzo da forgiare mentre � �u guglione � (l�apprendista) a due mani menava colpi con la mazza su indicazione del �masto�.�

�Bisognava poi essere anche �maestri d�ascia� perch� il legno veniva essenzialmente sagomato con l�ascia secondo il disegno voluto�

�C�era poi da dare l�amaninezza� alla ruota in modo da conferirgli maggiore robustezza�.

In pratica ai raggi delle ruote veniva data una piccola inclinazione verso l�esterno in modo che l� asse dei raggi non cadeva perfettamente perpendicolare all�asse di rotazione ma ne era leggermente spostato verso l�esterno del �traino� (uno o due centimetri se misurato all�esterno della circonferenza del cerchio).
Tutta il pezzo d�opera della ruota veniva poi �costretto� a stare insieme da un cerchione in ferro.
La circonferenza di quest� ultimo veniva calcolata leggermente inferiore a quella della ruota; una volta sagomato su di essa le estremit� venivano saldate per chiudere il cerchio con l�ausilio della forgia mazza incudine e martello (le saldatrici non esistevano).
Creato e chiuso il cerchione andava inserito sopra la ruota; allora veniva riscaldato a puntino su di un fuoco messo ad ardere all�estremit� del cerchio. Il ferro, si sa, si dilata con il calore ed arrivato alla giusta temperatura, che l�occhio del maestro sapeva, veniva portato sull�estremit� della ruota di legno e, una volta inserito, rapidamente raffreddato per non far bruciare con il calore del cerchio le �gaveglie� pena il rovinarsi del lavoro; se questa bruciava in qualche punto la ruota perdeva la sua rotondit� ed in quel punto avrebbe �zoppicato� di sicuro.
Il cerchione raffreddato e costruito di circonferenza pi� corta della ruota con la propria pressione assicurava quindi la tenuta dei raggi tra il mozzo e gli archi esterni. Questa operazione andava a ripetersi nell�estate successiva, s� perch� il ferro del cerchio a furia di ruotare sul terreno, dove scaricava tutto il peso del carretto, si stendeva e, complice anche il caldo, perdendo la sua tensione interna si allargava e la ruota rischiava di smontarsi.
C�era quindi bisogno di una revisione; allora venivano puliti tutti i componenti della ruota dal grasso che era col tempo colato dal mozzo sui raggi e sugli archi con la calce e dopo aver ridotto la circonferenza al cerchio, tagliandone un pezzo e risaldandolo, si rimontata.
I legni che si usavano erano la quercia, pi� lavorabile e di qualit� superiore , per le �gaveglie� (archi) e � �o cirro� (il cerro), meno pregiato, per i raggi .
Zi �Petruccio� continu� questa attivit� ancora per un lustro ma con l�avvento delle meccaniche agricole il lavoro inizi� a scarseggiare allora fu costretto a cambiare mestiere, che non fu certo una cosa difficile per lui, e divent� ferraiolo carpentiere per poi cambiare di nuovo quando ha lavorato nella fornace dei fratelli Melone come meccanico.
Accantonato questo argomento gli ho chiesto un po� della sua vita da giovane. Molto sorpreso sono stato quando mi ha raccontato che ha partecipato alla guerra di El-Alamein nel 42 dove fu anche ferito.
�Facevo il servizio di leva a Napoli ma il mio reggimento (20� reggimento di artiglieria di corpo d�armata) era dislocato a Tripoli in Libia.�

�Fui quindi spostato in Africa. Partii dall� aeroporto siciliano di Castelvetrano (Trapani) con un aereo a tre motori e dopo tre ore di volo atterrammo all�aeroporto tripolese di Castel Benito.
E fu cos� che fui coinvolto nella battaglia di El-Alamein.�(seconda guerra mondiale)
http://cronologia.leonardo.it/battaglie/batta20.htm
� Ero puntatore di cannone e sparavo con il 105-28 �.
S� il suo compito era quello di dare direttive per l�alzata e per la direzione del cannone agli addetti e raggiunto il puntamento dava il comando per lo sparo.
Fu proprio durante questa operazione in battaglia, mentre ripiegavano all�avanzata degli inglesi, che nelle fasi concitate della battaglia stessa mentre stava impartendo le istruzione per puntare che inavvertitamente l�addetto, stordito dalla confusione e atterrito dalla paura, innesc� lo sparo mentre lui era ancora sopra il cannone per controllare gli strumenti di direzione e di alzata. Fu scaraventato a terra e si ritrov� con la gamba destra sotto una ruota del cannone di 28 quintali di peso.

�c�era tanta confusione e paura � non si capiva niente� quasi a giustificare l�errore del commilitone.

La gamba si gonfi� ed anner�.
Fu cos� trasportato da un suo superiore e lasciato lungo la strada che portava a Tobruk; qui fu raccolto ed imbarcato a Bengasi sulla nave ospedale Aquileia.
Sbarc� a Bari e col treno fu portato in ospedale a Firenze.
Il treno pass� per Caserta e qui,sigillato nei vagoni, dal finestrino riusc�, tramite un tizio che conosceva un suo parente che faceva servizio di posta proprio alla stazione, a dare sue notizie ai familiari.
Qualche tempo dopo il fratello and� a trovarlo in ospedale a Firenze.

Mentre racconta si ferma un attimo� lo sguardo si perde nel vuoto � gli occhi luccicano
�ho visto in guerra morire �. un mio amico�era proprio l� �. vicino a me�.

E dopo qualche istante di silenzio�

�ho quattro figli undici nipoti e quattro pronipoti ... il due ottobre compier� ottantotto anni ed entrer� negli ottantanove ..cosa posso volere di pi� ?...solo mia moglie manca � mi ha lasciato dopo cinquantasei anni di matrimonio�.

Si � fatta ora di pranzo e cos� ci salutiamo e mentre ritorno a casa mi sento arricchito di questi racconti � schegge di storia�frammenti delle nostre radici.

Nelle sue ultime parole colgo che sente ormai compiuto il mandato che madre natura gli ha affidato, ma per noi molto altro potr� dare.
Spero che prima o poi qualche amministrazione si accorga dell�importanza delle nostre radici e magari si adoperi per allestire un museo etno-antropologico dove il nostro Zi Petruccio, e tanti come lui, potr� sicuramente essere da guida per allestire l�angolo del �mannese� e magari far� da cicerone per le nuove generazioni.

10.09.08

Pietro Granatello




Zi Petruccio da sempre ha passato il suo tempo libero dilettandosi in perfette miniature di carri, carrozzelle, vomeri, aratri, �macennule�, mangani, �bisselli�, �sciaraballi� che sono sparse nelle case dei casapullesi. L�anno scorso fu premiato con medaglia d�oro alla prima festa dei nonni organizzata dall�amministrazione comunale proprio per il suo mestiere di �Mannese� e per esserne l�ultimo a conoscerne ancora i mille segreti.









Articolo letto: 5224 volte




Ci sono 6 commenti



  rufino domenico
scritto il 24-09-2013 22:00:17

leggendo queste bellissime pagine ,mi sono ricordato della mia infanzia.Io figlio di elettricista ,con fratelli dipendenti e.n.e.l. mi emoziona tutto questo passato

  marcello la scala
scritto il 08-07-2009 07:20:50

Agrigento, 08 luglio 2009 Grazie per aver aperto il link con il Vostro sito. Cordialmente Marcello La Scala

  Pietro
scritto il 12-10-2008 07:53:32

Sono lieto che certi articoli, che hanno rispolverato cose del passato che rischiavano di cadere nel dimenticatoio, ancor oggi sono motivo di discussione e quindi di interesse comune.Poi ultimo o penultimo non importa l�importante, credo, e non perdere la memoria delle nostre radici.Volevo in ogni modo rassicurare Mario e saremo lieti di poter pubblicare foto che ritraggono il pap� all�opera o raccontare qualche aneddoto legato a questo antico e tramontato mestiere.Un abbraccio a Mario ed al pap� Pasqualino

  giuseppe
scritto il 11-10-2008 21:28:32

In realt� Pasquale, figlio di Vincenzo Carrillo, non aveva proprio questa, oggi potremo dire , specializzazione finita. Il �mannese� specializzato era il padre Vincenzo il quale ha tenuto il suo laboratorio tra la Nazionale e via Fornace insieme al socio tal mastro Luigi fino agli anni 66-67. Se un aneddoto posso aggiungere ricordo che fra i due soci non correva buon sangue tanto da non rivolgersi nemmeno pi� la parola; ma bisognava pur dialogare ed allora lo facevano a suon di martello in modo da attirare l�attenzione dell�altro per intendersi sul da farsi. Il sig. Pasquale di tanto in tanto andava a dare una mano al pap� ma pi� come apprendista che altro. In seguito il Pasquale, oltre a fare tante altre attivit� e per ultimo il sacrestano, avendo appreso i rudimenti del mestiere, si dilettava a fare pi� manutenzione che altro ma credo che non abbia mai esercitato questo mestiere del carradore nella sua pienezza del termine anche perch� l�evolversi dei tempi non richiedeva pi� simili professioni. Un saluto affettuoso a Mario ed al pap� Pasquale. Giuseppe

  Mario
scritto il 11-10-2008 10:25:21

Primo di ogni cosa mi congratulo con Voi per l'iniziativa di creare un sito dedicato a Casapulla. In merito "all'articolo" sul mannese volevo segnalare che il sig. Pietro Orlando non � l'ultimo che ha praticato questo mestiere, infatti se mi permettete l'ultima persona che ha svolto questo mestiere � mio padre, Pasquale Carrillo, noto anche come "o sacrestano". Infatti ha esercitato l'attivita, diciamo, quasi fino al 1979/1980. Il suo mestiere era tramandato da generazioni, sono ancora vivi in me i ricordi di mio nonno Vincenzo, che insieme a mio padre nella loro "bottega" situata sulla Nazionale Appia ferravano le ruote per i carretti. Se vuole approfondire mi farebbe cosa molto grada , visitando mio padre, che sar� sicuramente molto ma molto felice di raccontarLe sue storie. Dal canto mio mi impegno a trovare qualche vecchia foto di questo antico lavoro. La ringrazio e ancora congratulazioni per l'iniziativa Mario Carrillo

  stefano
scritto il 02-10-2008 14:44:12

per completezza la foto di elpidiantonio Natale detto "o presidente" (presidente dell'associazione carrettieri di casapulla) e del figlio vincenzo � stata scattata in occasione di uno sciopero della CISL fatto sul corso di caserta comunicazione di natale stefano figli di Vincenzo



 

 

 Lascia un commento

 

Nome:

E-Mail:

Codice di verifica:

Commento


 

 

 

 

   
   


8 Apr 2013 ::

Passeggiata a Sant'Angelo in Formis


23 Feb 2013 ::

Filosoficamente Pericolosamente - Compagnia Teatrale il Sipario


16 Ott 2012 ::

Traversando il Tifata - 2012


4 Ago 2012 ::
Appuntamenti

Sagra della Pancetta 2012


1 Lug 2012 ::
Appuntamenti

Pedalando....sotto le stelle!


7 Mag 2012 ::
Appuntamenti

Passeggiata sul Tifata - Flora e fauna dei Colli Tifatini


22 Apr 2012 ::
Eventi

Casapulla in Trekking ... alla Grotta di San Michele


17 Feb 2012 ::
Associazioni

Madame quatte solde


8 Nov 2011 ::
Appuntamenti

Corsa dei Babbo Natale 3° Edizione


1 Nov 2011 ::
Info

Car Friends


31 Ott 2011 ::
Eventi

Prima Traversata del Tifata ... sulle orme del passato


15 Ott 2011 ::
Appuntamenti

Traversando il Tifata ... sulle orme del passato


27 Set 2011 ::
Cartoline

Cartolina - Scuole elementari Parco Rimembranza 1932


18 Set 2011 ::
Dedicato A...

Ciao Dominique


13 Set 2011 ::
Appuntamenti

Ordinazione presbiteriale di Fra Giulio Giovanni Marcone


13 Ago 2011 ::
Eventi

La 5° Sagra della Pancetta


27 Giu 2011 ::
Eventi

Festa delle Cetrole 2011


23 Giu 2011 ::
Cartoline

Cartolina - Saluti da Casapulla 1940


24 Mag 2011 ::
Eventi

Programma Festa S.Elpidio 2011


13 Mag 2011 ::
Appuntamenti

Prossimamente.... Madama Quatte Solde


5 Mag 2011 ::
Appuntamenti

4^ Passeggiata sul Tifata


2 Mag 2011 ::
Appuntamenti

Nino D'Angelo in concerto


5 Apr 2011 ::
Appuntamenti

La sai l'ultima?


2 Apr 2011 ::
Cultura

Il romanzo 'Il matto di légal' di Elpidio Natale


21 Gen 2011 ::
Eventi

Video Presepe "La Piccola Betlemme"


16 Gen 2011 ::
Uomini Illustri

Giuseppe Orsi


12 Gen 2011 ::
Appuntamenti

Presepe Vivente, all’insegna della solidarietà.


26 Dic 2010 ::
Appuntamenti

I Raduno dei Soci 'di tutti i tempi' ACI


21 Dic 2010 ::
Appuntamenti

Presepe Vivente


8 Dic 2010 ::
Appuntamenti

La corsa dei Babbo Natale - II Edizione


6 Dic 2010 ::
Appuntamenti

Natale a Teatro


4 Dic 2010 ::
Info

Il forum riapre i battenti


23 Ott 2010 ::
Eventi

Presepe Vivente : 'La Piccola Betlemme'


17 Ott 2010 ::
Cartoline

Il santuario di S. Elpidio


30 Set 2010 ::
Dedicato A...

Dagherrotipi - Il prof. Marmo Michele


20 Ago 2010 ::
Appuntamenti

Sagra della Pancetta


2 Lug 2010 ::
Cultura

Ancora una volta ci dimentichiamo di …'LUI' !


25 Giu 2010 ::
Cultura

Teneramente tra soffi e parole


25 Giu 2010 ::
Appuntamenti

Festa delle Cetrole 2010


8 Giu 2010 ::
Appuntamenti

MANIFESTAZIONI ESTATE 2010 - Il Cerchio


19 Mag 2010 ::
Appuntamenti

Si puo' fare. Estate Ragazzi 2010


17 Mag 2010 ::
Fede E Spiritualità

Programma Festeggiamenti in onore di Sant'Elpidio Vescovo 2010


14 Mag 2010 ::
Appuntamenti

4° torneo beach Volley Curti


4 Mag 2010 ::
Appuntamenti

Uomo e Galantuomo - Il Sipario


4 Mag 2010 ::
Appuntamenti

BICITY


22 Apr 2010 ::
Appuntamenti

3^ Passeggiata sul tifata [sanprisco.net]


10 Apr 2010 ::
Dedicato A...

Palma se n'è andata


4 Apr 2010 ::
Fede E Spiritualità

Auguri !! Buona Pasqua


9 Mar 2010 ::
Le nostre passioni

Mio padre nell’arte del “mannese” - M.Carrillo


19 Feb 2010 ::
Il Comune Informa

Mettiamoci in Ascolto


15 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Ordinazione Sacerdotale di Agostino Porreca


6 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Carnevale 2010


1 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Don Agostino Porreca


13 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Aspettando il Natale in Via Orsi


11 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Aspettando il Natale


11 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Concerto di musica Classica


9 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Concerto di musica Gospel


29 Nov 2009 ::
Associazioni

Corsa dei Babbo Natale


28 Nov 2009 ::
Cartoline

Cartolina anni 70 Ristorante Mastroianni


20 Nov 2009 ::
Associazioni

SEDE FNP-CISL Sezione di Casapulla


15 Nov 2009 ::
Cartoline

Cartolina anni 70 Casapulla


11 Nov 2009 ::
Libri

L'Anima narrante


24 Set 2009 ::
Associazioni

Scuola di Teatro a Casapulla


24 Set 2009 ::
Libri

Francesco Saverio Petroni, politico e studioso abruzzese - Luigi Russo


29 Giu 2009 ::
Eventi

MADONNA DELLE GRAZIE “Festa della Cetrole” CASAPULLA 2 – 4 - 5 luglio 2009


11 Giu 2009 ::
Info

Risultati elezioni amministrative del 6-7 Giugno 2009


23 Mag 2009 ::
Eventi

Festa di S. Elpidio Vesco 2009


21 Mag 2009 ::
Associazioni

Tre mostre per valorizzare gli artisti di Casapulla


14 Mag 2009 ::
Info

Casapulla al voto


12 Mag 2009 ::
Appuntamenti

Museo Campano di Capua "Emozioni, Memoria, Ricordi"


10 Mag 2009 ::
Appuntamenti

Il Sipario Presenta...17, 22, 24 Maggio


27 Apr 2009 ::
Eventi

Monte Tifata:il Tempio di Giove e la Chiesa di San Nicola


21 Apr 2009 ::
Cultura

Le pillole di Luigi Russo


19 Apr 2009 ::
Cultura

Convento di San Giovanni a Gaiano


14 Apr 2009 ::
Cartoline

Cartolina Monumento ai Caduti


11 Apr 2009 ::
Cartoline

Cartoline di via IV Novembre e via Nazionale Appia


3 Apr 2009 ::
Appuntamenti

La gastronomia Casapullese ieri e oggi


20 Mar 2009 ::
Appuntamenti

'O pizz 'cchiù spuorc è a recchia do' prevet


15 Mar 2009 ::
Appuntamenti

Giuseppe Povia "Centravanti di Mestiere"


10 Mar 2009 ::
Cultura

Bonaventura Natale Sottotenente pilota 1940


10 Mar 2009 ::
Appuntamenti

Appuntamento per l’evento “Voci di notte”,


14 Feb 2009 ::
Appuntamenti

Luci D'Artista Caffè del Centro


12 Feb 2009 ::
Info

Da Casapulla OnLine al Comune di Casapulla


8 Feb 2009 ::
Appuntamenti

Alla Festa Delle Meraviglie


4 Feb 2009 ::
Eventi

Aspettando il 26 di maggio ….


21 Gen 2009 ::
Cultura

Affreschi Cappella Monte dei Morti


6 Gen 2009 ::
Eventi

Visita al palazzo Madama


2 Gen 2009 ::
Emigranti

Julie Natale Cetta - famiglia Natale


29 Dic 2008 ::
Appuntamenti

La Cappella del Monte dei Morti in Casapulla 'tra fede e arte'


29 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Tombolata 2009


23 Dic 2008 ::
Libri

Il debutto nel mondo dell'editoria di Anna Di Nardo


23 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Apertura del Real Sito di Carditello


17 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Farmer Market: spesa a km zero a Casapulla


15 Dic 2008 ::
Associazioni

Scuola calcio ACD Casapulla


15 Dic 2008 ::
Sito Web

Il portale dell' ACD Casapulla


13 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Il solito coro polifonico? No, il 'Sound Gospel Classic'


11 Dic 2008 ::
Cultura

Palazzo Peccerillo (Sec. XVI)


6 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Luce d'Artista


27 Nov 2008 ::
Cultura

Le tre cappelle di strada


16 Nov 2008 ::
Foto e Video

Giornata della cultura


21 Set 2008 ::
Le nostre passioni

Orlando Pietro


9 Set 2008 ::
Storie

La Madonna delle Lacrime (Articolo di giornale del 1955)


6 Set 2008 ::
Le nostre passioni

Maestre Tecchia Gabriele


30 Ago 2008 ::
Appuntamenti

Ordinazione Diaconale di Agostino Porreca


14 Ago 2008 ::
Libri

Maria Michela Lieto Sindaco di Casapulla


14 Ago 2008 ::
Libri

La centuriazione di Casapulla


13 Ago 2008 ::
Libri

Casapulla dalle origini al settecento


13 Ago 2008 ::
Libri

La Cappella di Santa Croce in Casapulla - Tra fede storia e arte


1 Ago 2008 ::
Associazione Insieme

La storia di Mario


30 Lug 2008 ::
Galleria Fotografica

Montevergine vecchie foto


26 Lug 2008 ::
Eventi

Montevergine 2008


23 Giu 2007 ::
Giovanni Orsomando

Mp3 marce sinfoniche dell'Esercito Italiano


20 Giu 2007 ::
Uomini Illustri

Giovanni Orsomando a cura
di Valentina Salzano





Dedicato a ...
Giulio Patricelli




Casapulla OnLine by
Emmanuel Granatello
is licensed under a
Creative Commons License


   


Home      Eventi      Il comune      Cultura      Servizi      Sport      Guestbook      Forum      Chat      Mailing list      Galleria      Links      Games      Associazioni      Dove siamo      Contatti      Chi sono      Biblioteca      Emigrants     

Copyright @emmgra