Home
Cultura
Eventi
Associazioni
Sport
Foto
Chat
Forum
GuestBook
Links
MailingList
Emigrants
Chi sono

   

Pietro Orlando 2 ottobre 1920

Galleria Fotografica




Per noi casapullesi o napoletani…..il “mannese” o “lo scassacarrette” in italiano il “carradore” mestiere antichissimo.
La ruota comparve in Mesopotamia fra il 3500 e il 3000 a.C.; con essa il carro e chi lo costruiva.

Questo spazio, certo non č approfondito per descrivere un mestiere il cui apprendimento richiedeva almeno venti anni, vuole essere stimolo per avvicinarsi ad uno dei lavori che ha caratterizzato l’artigianato del nostro paese nel recente passato ed oggi scomparso totalmente.


Conoscere l'arte del falegname; intendersi di metallurgia, di saldatura; conoscere i legnami, saper valutare la stagionatura. In assenza di utensili e macchine elettriche, tutti i lavori si facevano a mano, compresa la tornitura dei grandi mozzi. Le grandi ruote venivano realizzate senza chiodi e senza colla, era il cerchione di ferro che reggeva il tutto.

Pietro Orlando del 2 ottobre 1920
L’ultimo “mannese” di Casapulla.

Ci siamo incontrati oggi nella Villa Comunale mentre era in sella alla sua inseparabile bici, e qui racconta:
“Avevo gli zoccoli ai piedi e frequentavo le elementari quando andavo “’o Mast” ad imparare il mestiere da mast’ Elpidio dove ho appreso l’arte del “Mannese”.” Il suo maestro č stato mastro Elpidio Lieto che č stato anche maestro di musica nel tempo libero; suonava il clarinetto e dirigeva la banda musicale di Caturano.
Lě č rimasto fino sotto i trent’anni per poi rilevare, insieme al socio Santillo Domenico, una “poteca di mannese” a Marina di Minturno da un artigiano locale andato in pensione. Ed č qui che, su commissione di un americano fotografo che abitava a Minturno, costruě una ruota di carretto (“traino”) alta tre metri che servě al fotografo come attrattiva per fotografare i bagnanti sulla spiaggia di Minturno.

“Un lavoro duro pesante e doloroso “accira-cristiani” ma d’altronde allora un po’ tutto lo era”.
E sě un lavoro duro dove andavano coniugati due mestieri l’arte del forgiare il ferro e di modellare il legno con le proprie mani con l’ausilio di pochi utensili come l’ascia per il legno e la forgia incudine mazza e martello per il ferro.
http://www.raffaelelascala.net
“Noi con il “tre e quattordici calcolavamo le circonferenze e le “gaveglie”; se la ruota era a 12 raggi facevamo 6 “gaveglie” se a 10 ne facevamo 5 insomma ogni “gaveglia” ospitava due “raje” (raggi)”.

In pratica la “gaveglia” č quell’arco in legno che insieme agli altri costituiva la circonferenza esterna dove a due a due alloggiavano i raggi esternamente mentre verso il centro erano contenuti nel “miulo” (mozzo).
A sua volta il “miulo” (mozzo) al centro veniva calibrata ed inserita la “summola” (boccola) che copiava la conicitŕ dell’asse in ferro su cui ruotava in modo da non far toccare il legno del mozzo con l’asse e tutto veniva ingrassato con grasso animale. Per non far fuoriuscire il mozzo dall’asse c’era l’ ”azzicula” una sorta di zeppa che conficcata all’estremitŕ dell’asse impediva al “miulo” e quindi alla ruota di fuoriuscire.

“ Una volta reso incandescente il ferro dell’asse per dare la conicitŕ voluta ‘o mast” assecondava il lavoro cadenzando colpi di martello con una mano mentre l’altra impugnava e ruotava all’occorrenza il pezzo da forgiare mentre “ ‘u guglione “ (l’apprendista) a due mani menava colpi con la mazza su indicazione del “masto”.”

“Bisognava poi essere anche “maestri d’ascia” perché il legno veniva essenzialmente sagomato con l’ascia secondo il disegno voluto”

“C’era poi da dare l”amaninezza” alla ruota in modo da conferirgli maggiore robustezza”.

In pratica ai raggi delle ruote veniva data una piccola inclinazione verso l’esterno in modo che l’ asse dei raggi non cadeva perfettamente perpendicolare all’asse di rotazione ma ne era leggermente spostato verso l’esterno del “traino” (uno o due centimetri se misurato all’esterno della circonferenza del cerchio).
Tutta il pezzo d’opera della ruota veniva poi “costretto” a stare insieme da un cerchione in ferro.
La circonferenza di quest’ ultimo veniva calcolata leggermente inferiore a quella della ruota; una volta sagomato su di essa le estremitŕ venivano saldate per chiudere il cerchio con l’ausilio della forgia mazza incudine e martello (le saldatrici non esistevano).
Creato e chiuso il cerchione andava inserito sopra la ruota; allora veniva riscaldato a puntino su di un fuoco messo ad ardere all’estremitŕ del cerchio. Il ferro, si sa, si dilata con il calore ed arrivato alla giusta temperatura, che l’occhio del maestro sapeva, veniva portato sull’estremitŕ della ruota di legno e, una volta inserito, rapidamente raffreddato per non far bruciare con il calore del cerchio le “gaveglie” pena il rovinarsi del lavoro; se questa bruciava in qualche punto la ruota perdeva la sua rotonditŕ ed in quel punto avrebbe “zoppicato” di sicuro.
Il cerchione raffreddato e costruito di circonferenza piů corta della ruota con la propria pressione assicurava quindi la tenuta dei raggi tra il mozzo e gli archi esterni. Questa operazione andava a ripetersi nell’estate successiva, sě perché il ferro del cerchio a furia di ruotare sul terreno, dove scaricava tutto il peso del carretto, si stendeva e, complice anche il caldo, perdendo la sua tensione interna si allargava e la ruota rischiava di smontarsi.
C’era quindi bisogno di una revisione; allora venivano puliti tutti i componenti della ruota dal grasso che era col tempo colato dal mozzo sui raggi e sugli archi con la calce e dopo aver ridotto la circonferenza al cerchio, tagliandone un pezzo e risaldandolo, si rimontata.
I legni che si usavano erano la quercia, piů lavorabile e di qualitŕ superiore , per le “gaveglie” (archi) e “ ‘o cirro” (il cerro), meno pregiato, per i raggi .
Zi “Petruccio” continuň questa attivitŕ ancora per un lustro ma con l’avvento delle meccaniche agricole il lavoro iniziň a scarseggiare allora fu costretto a cambiare mestiere, che non fu certo una cosa difficile per lui, e diventň ferraiolo carpentiere per poi cambiare di nuovo quando ha lavorato nella fornace dei fratelli Melone come meccanico.
Accantonato questo argomento gli ho chiesto un po’ della sua vita da giovane. Molto sorpreso sono stato quando mi ha raccontato che ha partecipato alla guerra di El-Alamein nel 42 dove fu anche ferito.
“Facevo il servizio di leva a Napoli ma il mio reggimento (20° reggimento di artiglieria di corpo d’armata) era dislocato a Tripoli in Libia.”

“Fui quindi spostato in Africa. Partii dall’ aeroporto siciliano di Castelvetrano (Trapani) con un aereo a tre motori e dopo tre ore di volo atterrammo all’aeroporto tripolese di Castel Benito.
E fu cosě che fui coinvolto nella battaglia di El-Alamein.”(seconda guerra mondiale)
http://cronologia.leonardo.it/battaglie/batta20.htm
“ Ero puntatore di cannone e sparavo con il 105-28 ”.
Sě il suo compito era quello di dare direttive per l’alzata e per la direzione del cannone agli addetti e raggiunto il puntamento dava il comando per lo sparo.
Fu proprio durante questa operazione in battaglia, mentre ripiegavano all’avanzata degli inglesi, che nelle fasi concitate della battaglia stessa mentre stava impartendo le istruzione per puntare che inavvertitamente l’addetto, stordito dalla confusione e atterrito dalla paura, innescň lo sparo mentre lui era ancora sopra il cannone per controllare gli strumenti di direzione e di alzata. Fu scaraventato a terra e si ritrovň con la gamba destra sotto una ruota del cannone di 28 quintali di peso.

“c’era tanta confusione e paura … non si capiva niente” quasi a giustificare l’errore del commilitone.

La gamba si gonfiň ed annerě.
Fu cosě trasportato da un suo superiore e lasciato lungo la strada che portava a Tobruk; qui fu raccolto ed imbarcato a Bengasi sulla nave ospedale Aquileia.
Sbarcň a Bari e col treno fu portato in ospedale a Firenze.
Il treno passň per Caserta e qui,sigillato nei vagoni, dal finestrino riuscě, tramite un tizio che conosceva un suo parente che faceva servizio di posta proprio alla stazione, a dare sue notizie ai familiari.
Qualche tempo dopo il fratello andň a trovarlo in ospedale a Firenze.

Mentre racconta si ferma un attimo… lo sguardo si perde nel vuoto … gli occhi luccicano
“ho visto in guerra morire …. un mio amico…era proprio lě …. vicino a me”.

E dopo qualche istante di silenzio…

“ho quattro figli undici nipoti e quattro pronipoti ... il due ottobre compierň ottantotto anni ed entrerň negli ottantanove ..cosa posso volere di piů ?...solo mia moglie manca … mi ha lasciato dopo cinquantasei anni di matrimonio”.

Si č fatta ora di pranzo e cosě ci salutiamo e mentre ritorno a casa mi sento arricchito di questi racconti … schegge di storia…frammenti delle nostre radici.

Nelle sue ultime parole colgo che sente ormai compiuto il mandato che madre natura gli ha affidato, ma per noi molto altro potrŕ dare.
Spero che prima o poi qualche amministrazione si accorga dell’importanza delle nostre radici e magari si adoperi per allestire un museo etno-antropologico dove il nostro Zi Petruccio, e tanti come lui, potrŕ sicuramente essere da guida per allestire l’angolo del “mannese” e magari farŕ da cicerone per le nuove generazioni.

10.09.08

Pietro Granatello




Zi Petruccio da sempre ha passato il suo tempo libero dilettandosi in perfette miniature di carri, carrozzelle, vomeri, aratri, “macennule”, mangani, “bisselli”, “sciaraballi” che sono sparse nelle case dei casapullesi. L’anno scorso fu premiato con medaglia d’oro alla prima festa dei nonni organizzata dall’amministrazione comunale proprio per il suo mestiere di “Mannese” e per esserne l’ultimo a conoscerne ancora i mille segreti.









Articolo letto: 2047 volte




Ci sono 6 commenti



  rufino domenico
scritto il 24-09-2013 22:00:17

leggendo queste bellissime pagine ,mi sono ricordato della mia infanzia.Io figlio di elettricista ,con fratelli dipendenti e.n.e.l. mi emoziona tutto questo passato

  marcello la scala
scritto il 08-07-2009 07:20:50

Agrigento, 08 luglio 2009 Grazie per aver aperto il link con il Vostro sito. Cordialmente Marcello La Scala

  Pietro
scritto il 12-10-2008 07:53:32

Sono lieto che certi articoli, che hanno rispolverato cose del passato che rischiavano di cadere nel dimenticatoio, ancor oggi sono motivo di discussione e quindi di interesse comune.Poi ultimo o penultimo non importa l’importante, credo, e non perdere la memoria delle nostre radici.Volevo in ogni modo rassicurare Mario e saremo lieti di poter pubblicare foto che ritraggono il papŕ all’opera o raccontare qualche aneddoto legato a questo antico e tramontato mestiere.Un abbraccio a Mario ed al papŕ Pasqualino

  giuseppe
scritto il 11-10-2008 21:28:32

In realtŕ Pasquale, figlio di Vincenzo Carrillo, non aveva proprio questa, oggi potremo dire , specializzazione finita. Il “mannese” specializzato era il padre Vincenzo il quale ha tenuto il suo laboratorio tra la Nazionale e via Fornace insieme al socio tal mastro Luigi fino agli anni 66-67. Se un aneddoto posso aggiungere ricordo che fra i due soci non correva buon sangue tanto da non rivolgersi nemmeno piů la parola; ma bisognava pur dialogare ed allora lo facevano a suon di martello in modo da attirare l’attenzione dell’altro per intendersi sul da farsi. Il sig. Pasquale di tanto in tanto andava a dare una mano al papŕ ma piů come apprendista che altro. In seguito il Pasquale, oltre a fare tante altre attivitŕ e per ultimo il sacrestano, avendo appreso i rudimenti del mestiere, si dilettava a fare piů manutenzione che altro ma credo che non abbia mai esercitato questo mestiere del carradore nella sua pienezza del termine anche perché l’evolversi dei tempi non richiedeva piů simili professioni. Un saluto affettuoso a Mario ed al papŕ Pasquale. Giuseppe

  Mario
scritto il 11-10-2008 10:25:21

Primo di ogni cosa mi congratulo con Voi per l'iniziativa di creare un sito dedicato a Casapulla. In merito "all'articolo" sul mannese volevo segnalare che il sig. Pietro Orlando non č l'ultimo che ha praticato questo mestiere, infatti se mi permettete l'ultima persona che ha svolto questo mestiere č mio padre, Pasquale Carrillo, noto anche come "o sacrestano". Infatti ha esercitato l'attivita, diciamo, quasi fino al 1979/1980. Il suo mestiere era tramandato da generazioni, sono ancora vivi in me i ricordi di mio nonno Vincenzo, che insieme a mio padre nella loro "bottega" situata sulla Nazionale Appia ferravano le ruote per i carretti. Se vuole approfondire mi farebbe cosa molto grada , visitando mio padre, che sarŕ sicuramente molto ma molto felice di raccontarLe sue storie. Dal canto mio mi impegno a trovare qualche vecchia foto di questo antico lavoro. La ringrazio e ancora congratulazioni per l'iniziativa Mario Carrillo

  stefano
scritto il 02-10-2008 14:44:12

per completezza la foto di elpidiantonio Natale detto "o presidente" (presidente dell'associazione carrettieri di casapulla) e del figlio vincenzo č stata scattata in occasione di uno sciopero della CISL fatto sul corso di caserta comunicazione di natale stefano figli di Vincenzo



 

 

 Lascia un commento

 

Nome:

E-Mail:

Codice di verifica:

Commento


 

 

 

 

 

   
   


8 Apr 2013 ::

Passeggiata a Sant'Angelo in Formis


23 Feb 2013 ::

Filosoficamente Pericolosamente - Compagnia Teatrale il Sipario


16 Ott 2012 ::

Traversando il Tifata - 2012


4 Ago 2012 ::
Appuntamenti

Sagra della Pancetta 2012


1 Lug 2012 ::
Appuntamenti

Pedalando....sotto le stelle!


7 Mag 2012 ::
Appuntamenti

Passeggiata sul Tifata - Flora e fauna dei Colli Tifatini


22 Apr 2012 ::
Eventi

Casapulla in Trekking ... alla Grotta di San Michele


17 Feb 2012 ::
Associazioni

Madame quatte solde


8 Nov 2011 ::
Appuntamenti

Corsa dei Babbo Natale 3° Edizione


1 Nov 2011 ::
Info

Car Friends


31 Ott 2011 ::
Eventi

Prima Traversata del Tifata ... sulle orme del passato


15 Ott 2011 ::
Appuntamenti

Traversando il Tifata ... sulle orme del passato


27 Set 2011 ::
Cartoline

Cartolina - Scuole elementari Parco Rimembranza 1932


18 Set 2011 ::
Dedicato A...

Ciao Dominique


13 Set 2011 ::
Appuntamenti

Ordinazione presbiteriale di Fra Giulio Giovanni Marcone


13 Ago 2011 ::
Eventi

La 5° Sagra della Pancetta


27 Giu 2011 ::
Eventi

Festa delle Cetrole 2011


23 Giu 2011 ::
Cartoline

Cartolina - Saluti da Casapulla 1940


24 Mag 2011 ::
Eventi

Programma Festa S.Elpidio 2011


13 Mag 2011 ::
Appuntamenti

Prossimamente.... Madama Quatte Solde


5 Mag 2011 ::
Appuntamenti

4^ Passeggiata sul Tifata


2 Mag 2011 ::
Appuntamenti

Nino D'Angelo in concerto


5 Apr 2011 ::
Appuntamenti

La sai l'ultima?


2 Apr 2011 ::
Cultura

Il romanzo 'Il matto di légal' di Elpidio Natale


21 Gen 2011 ::
Eventi

Video Presepe "La Piccola Betlemme"


16 Gen 2011 ::
Uomini Illustri

Giuseppe Orsi


12 Gen 2011 ::
Appuntamenti

Presepe Vivente, all’insegna della solidarietà.


26 Dic 2010 ::
Appuntamenti

I Raduno dei Soci 'di tutti i tempi' ACI


21 Dic 2010 ::
Appuntamenti

Presepe Vivente


8 Dic 2010 ::
Appuntamenti

La corsa dei Babbo Natale - II Edizione


6 Dic 2010 ::
Appuntamenti

Natale a Teatro


4 Dic 2010 ::
Info

Il forum riapre i battenti


23 Ott 2010 ::
Eventi

Presepe Vivente : 'La Piccola Betlemme'


17 Ott 2010 ::
Cartoline

Il santuario di S. Elpidio


30 Set 2010 ::
Dedicato A...

Dagherrotipi - Il prof. Marmo Michele


20 Ago 2010 ::
Appuntamenti

Sagra della Pancetta


2 Lug 2010 ::
Cultura

Ancora una volta ci dimentichiamo di …'LUI' !


25 Giu 2010 ::
Cultura

Teneramente tra soffi e parole


25 Giu 2010 ::
Appuntamenti

Festa delle Cetrole 2010


8 Giu 2010 ::
Appuntamenti

MANIFESTAZIONI ESTATE 2010 - Il Cerchio


19 Mag 2010 ::
Appuntamenti

Si puo' fare. Estate Ragazzi 2010


17 Mag 2010 ::
Fede E SpiritualitĂ 

Programma Festeggiamenti in onore di Sant'Elpidio Vescovo 2010


14 Mag 2010 ::
Appuntamenti

4° torneo beach Volley Curti


4 Mag 2010 ::
Appuntamenti

Uomo e Galantuomo - Il Sipario


4 Mag 2010 ::
Appuntamenti

BICITY


22 Apr 2010 ::
Appuntamenti

3^ Passeggiata sul tifata [sanprisco.net]


10 Apr 2010 ::
Dedicato A...

Palma se n'è andata


4 Apr 2010 ::
Fede E SpiritualitĂ 

Auguri !! Buona Pasqua


9 Mar 2010 ::
Le nostre passioni

Mio padre nell’arte del “mannese” - M.Carrillo


19 Feb 2010 ::
Il Comune Informa

Mettiamoci in Ascolto


15 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Ordinazione Sacerdotale di Agostino Porreca


6 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Carnevale 2010


1 Feb 2010 ::
Appuntamenti

Don Agostino Porreca


13 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Aspettando il Natale in Via Orsi


11 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Aspettando il Natale


11 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Concerto di musica Classica


9 Dic 2009 ::
Appuntamenti

Concerto di musica Gospel


29 Nov 2009 ::
Associazioni

Corsa dei Babbo Natale


28 Nov 2009 ::
Cartoline

Cartolina anni 70 Ristorante Mastroianni


20 Nov 2009 ::
Associazioni

SEDE FNP-CISL Sezione di Casapulla


15 Nov 2009 ::
Cartoline

Cartolina anni 70 Casapulla


11 Nov 2009 ::
Libri

L'Anima narrante


24 Set 2009 ::
Associazioni

Scuola di Teatro a Casapulla


24 Set 2009 ::
Libri

Francesco Saverio Petroni, politico e studioso abruzzese - Luigi Russo


29 Giu 2009 ::
Eventi

MADONNA DELLE GRAZIE “Festa della Cetrole” CASAPULLA 2 – 4 - 5 luglio 2009


11 Giu 2009 ::
Info

Risultati elezioni amministrative del 6-7 Giugno 2009


23 Mag 2009 ::
Eventi

Festa di S. Elpidio Vesco 2009


21 Mag 2009 ::
Associazioni

Tre mostre per valorizzare gli artisti di Casapulla


14 Mag 2009 ::
Info

Casapulla al voto


12 Mag 2009 ::
Appuntamenti

Museo Campano di Capua "Emozioni, Memoria, Ricordi"


10 Mag 2009 ::
Appuntamenti

Il Sipario Presenta...17, 22, 24 Maggio


27 Apr 2009 ::
Eventi

Monte Tifata:il Tempio di Giove e la Chiesa di San Nicola


21 Apr 2009 ::
Cultura

Le pillole di Luigi Russo


19 Apr 2009 ::
Cultura

Convento di San Giovanni a Gaiano


14 Apr 2009 ::
Cartoline

Cartolina Monumento ai Caduti


11 Apr 2009 ::
Cartoline

Cartoline di via IV Novembre e via Nazionale Appia


3 Apr 2009 ::
Appuntamenti

La gastronomia Casapullese ieri e oggi


20 Mar 2009 ::
Appuntamenti

'O pizz 'cchiù spuorc è a recchia do' prevet


15 Mar 2009 ::
Appuntamenti

Giuseppe Povia "Centravanti di Mestiere"


10 Mar 2009 ::
Cultura

Bonaventura Natale Sottotenente pilota 1940


10 Mar 2009 ::
Appuntamenti

Appuntamento per l’evento “Voci di notte”,


14 Feb 2009 ::
Appuntamenti

Luci D'Artista Caffè del Centro


12 Feb 2009 ::
Info

Da Casapulla OnLine al Comune di Casapulla


8 Feb 2009 ::
Appuntamenti

Alla Festa Delle Meraviglie


4 Feb 2009 ::
Eventi

Aspettando il 26 di maggio ….


21 Gen 2009 ::
Cultura

Affreschi Cappella Monte dei Morti


6 Gen 2009 ::
Eventi

Visita al palazzo Madama


2 Gen 2009 ::
Emigranti

Julie Natale Cetta - famiglia Natale


29 Dic 2008 ::
Appuntamenti

La Cappella del Monte dei Morti in Casapulla 'tra fede e arte'


29 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Tombolata 2009


23 Dic 2008 ::
Libri

Il debutto nel mondo dell'editoria di Anna Di Nardo


23 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Apertura del Real Sito di Carditello


17 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Farmer Market: spesa a km zero a Casapulla


15 Dic 2008 ::
Associazioni

Scuola calcio ACD Casapulla


15 Dic 2008 ::
Sito Web

Il portale dell' ACD Casapulla


13 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Il solito coro polifonico? No, il 'Sound Gospel Classic'


11 Dic 2008 ::
Cultura

Palazzo Peccerillo (Sec. XVI)


6 Dic 2008 ::
Appuntamenti

Luce d'Artista


27 Nov 2008 ::
Cultura

Le tre cappelle di strada


16 Nov 2008 ::
Foto e Video

Giornata della cultura


21 Set 2008 ::
Le nostre passioni

Orlando Pietro


9 Set 2008 ::
Storie

La Madonna delle Lacrime (Articolo di giornale del 1955)


6 Set 2008 ::
Le nostre passioni

Maestre Tecchia Gabriele


30 Ago 2008 ::
Appuntamenti

Ordinazione Diaconale di Agostino Porreca


14 Ago 2008 ::
Libri

Maria Michela Lieto Sindaco di Casapulla


14 Ago 2008 ::
Libri

La centuriazione di Casapulla


13 Ago 2008 ::
Libri

Casapulla dalle origini al settecento


13 Ago 2008 ::
Libri

La Cappella di Santa Croce in Casapulla - Tra fede storia e arte


1 Ago 2008 ::
Associazione Insieme

La storia di Mario


30 Lug 2008 ::
Galleria Fotografica

Montevergine vecchie foto


26 Lug 2008 ::
Eventi

Montevergine 2008


23 Giu 2007 ::
Giovanni Orsomando

Mp3 marce sinfoniche dell'Esercito Italiano


20 Giu 2007 ::
Uomini Illustri

Giovanni Orsomando a cura
di Valentina Salzano





Dedicato a ...
Giulio Patricelli




Casapulla OnLine by
Emmanuel Granatello
is licensed under a
Creative Commons License


   


Home       Eventi      Il comune      Cultura      Servizi      Sport      Guestbook      Forum      Chat      Mailing list      Galleria      Links          Games      Associazioni      Dove siamo      Contatti      Chi sono      Biblioteca      Emigrants     

Copyright @emmgra